Molto spesso dall’altra parte della mia scrivania ci sono genitori impauriti che mi pongono questa domanda: “Ci separiamo! come lo diciamo ai nostri figli?”

Da parte mia c’è sempre la stessa risposta “non c’è una regola per tutti i bambini e per tutte le famiglie. Ogni bambino è unico così come la sua famiglia”. 

Eh si, è proprio così! Non tutti i bambini sono uguali e per questo non esiste una regola aurea da seguire. 

Ci sono però degli aspetti che ogni genitore deve tenere in considerazione: 

  • Fare “da specchio” rispetto al malessere dei propri figli: non comunicare mai che la separazione è una cosa bella. Il più delle volte non è vero e i figli si sentiranno soli nell’affrontare questo dolore. È importante che, con la giusta mediazione, percepiscano che anche per voi quella è stata una decisione dolorosa ma che da adulti avete deciso che è meglio così. 
  • Non comunicare che non cambierà niente. Non è vero! Uno dei due genitori andrà via e loro avranno due case, pertanto cerchiamo di collaborare affinché l’altra casa venga percepita come un luogo sicuro e accompagnatori gradualmente in questi grande cambiamento.
  • Accogliere il malessere dei propri ragazzi cercando di non spaventarsi davanti alle loro reazioni.
  • Rassicurarli sul fatto che loro saranno sempre i vostri figli e che questo non cambierà mai. 
  • Rassicurateli sul fatto che sarete sempre i loro genitori, legittimatevi reciprocamente in questo ruolo e comunicate ai vostri figli che questo non cambierà mai.
  • Distinguere tra coppia sentimentale che non ci sarà più è coppia genitoriale che continuerà ad esserci nella gestione quotidiana dei figli e in quella emotiva. 

In questa fase è poi importante discutere insieme rispetto alle ragioni della separazione, a come si è arrivati a quel punto e a che situazioni hanno vissuto i ragazzi.

Vi hanno visti litigare? Si respira un’aria carica di tensione in casa? Sono molto legati ad uno di voi? Di recente hanno sottolineato come sia bella essere tutti insieme?

Queste sono già delle varianti che ci spingeranno a prendere una strada piuttosto che un’altra per la comunicazione e ci aiuteranno a preparare figli e genitori ad affrontare la separazione. 

Decidere di chiedere aiuto e deciderlo insieme come genitori, evitando recriminazioni nei confronti di chi ha preso la decisione di separarsi è senza dubbio il primo passo da genitori che affrontano responsabilmente la separazione senza utilizzare i figli come arma contro l’ormai ex coniuge. Questo ultimo è infatti, senza dubbio, l’errore che non va mai fatto! 

Dott.ssa Cristina Cavalli